Domande Frequenti F.A.Q.

Quali sono le tipologie di celle di carico presenti sul mercato?

A seconda del tipo di applicazione per la quale sono state costruite, o del metodo costruttivo utilizzato, citiamo alcuni tipi comuni di celle di carico che LAUMAS può offrire:

  • single point/off-center/per piattaforme - poste al centro di un piano sono in grado di pesare correttamente in qualsiasi punto venga applicata la forza peso. Sono impiegate normalmente in tutte le piattaforme e bilance monocella.
  • compressione a basso profilo - robuste e di semplice installazione unitamente al relativo accessorio di montaggio, sono idonee per la pesatura di silos, serbatoi tramogge, mescolatori, reattori anche di grandi dimensioni e portata.
  • compressione a colonna - tipicamente impiegate all’interno di pesa a ponte o con relativo accessorio di montaggio per silos di alta capacità, installati anche all’aperto.
  • compressione e trazione - per macchine prova materiale, prove speciali, etc.
  • trazione - per realizzare sistemi di pesatura sospesi, impianti di betonaggio o da applicare su tirante per trasformare vecchie bilance meccaniche in bilance elettroniche.
  • taglio - celle comunemente impiegate all’interno di piattaforme, idonee per pesare silos di piccole e medie dimensioni e per sistemi di trasporto con nastri, rulliere, etc.
  • doppio taglio - tipicamente impiegate all’interno di pesaponte o con relativo accessorio di montaggio per silos di alta capacità installati anche all’aperto.
  • flessione - celle comunemente impiegate per realizzare sistemi di pesatura di piccola portata con dosatori e sistemi di riempimento e insacco a peso, insaccatrici, riempitrici, etc.
  • perno - applicate nei sistemi di sollevamento su capofisso o carrucola di rinvio e realizzabili custom secondo le specifiche del cliente.
  • ad anello per tiranti - normalmente applicate per monitorare la forza di tensionamento di tiranti presenti in opere civili, dighe, ponti, gallerie, ecc.
  • pre-amplificate - celle con un amplificatore interno che consente di avere un’uscita analogica già amplificata 0-10V – 4-20mA.